Programma scialpinismo 2022-23

PROGRAMMA DI

SCIALPINISMO & CIASPOLE 2022-2023

 VolantinoProgrSciAlp22-23

7-11 dicembre           SANT’AMBROGIO in SELLRAINTALL     scialpinismo

Nel cuore del Tirolo austriaco c’è una valle incontaminata ideale per iniziare a pellare. 5 giorni nel frastagliato, scosceso, romantico paesaggio d’alta montagna della Sellraintal.

Classificazione: MS/BS  Dislivelli: 1000m   Capogita: Paolo Cesa Bianchi

17 dicembre             PIZZO OLANO 2267m                    scialpinismo

Panoramica cima nel parco delle Orobie Valtellinesi, da Corte in Val Gerola

Classificazione: MS dislivello: 1250m  Capogita: Claudio Crespi

15 gennaio                MONT COLMETT 3026m                 scialpinismo

                                   GITA del CENTENARIO GAM

Bell’itinerario poco frequentato in un angolo poco battuto della valle di La Thuile. Gita completa con tratti molto ripidi. La vista dalla cima è grandiosa

Classificazione: BS  dislivello:1300m   Capogita: Paolo Cesa Bianchi

 21 gennaio                     SCATTA d’OROGNA 2466m         ciaspole

Bellissima gita in Val d’Ossola, da Alpe Devero gioiello di rara bellezza incastonata tra le cime delle Alpi Lepontine

Classificazione: MR  dislivello: 1000m   Capogita: Ferdinando Viganò

29 gennaio                  MONTE ROSSO 2374m                    scialpinismo

 

Escursione nelle alpi biellesi. Una gita molto varia che offre due interessanti possibilità di discesa

Classificazione: MS  dislivello: 1200m  Capogita: Paolo Cesa Bianchi

 12 febbraio                SIRWOLTENHORN 2845m                scialpinismo

Itinerario molto piacevole in Val Divedro, Passo del Sempione. Offre un notevole panorama ancor prima di arrivare in vetta

Classificazione: BS  dislivello: 1080m   Capogita: Alessandro Barin

18 febbraio                CIMA dei LUPI 2415m                        ciaspole

 

In Val Tartano si risale la Val Lunga fino a raggiungere la larga e pianeggiante cima

Classificazione: MR  dislivello: 1100m   Capogita: Ferdinando Viganò

 

23-26 febbraio           CARNEVALE in CARNIA                scialpinismo

A Forni di Sopra, porta del Parco Naturale delle Alpi Friulane tra borghi autentici e perle alpine

Classificazione: BS  dislivelli: 1000-1100m  Capogita: Max Aicardi

11-12 marzo               MONTE ADAMELLO 3539m        scialpinismo

E’ la cima principale delle Alpi Retiche in Lombardia (Val Camonica), salita tecnicamente facile ma difficile per la vastità del ghiacciaio

Classificazione: BSA  dislivello complessivo: 1600m   Capigita: Chiara Annibale, Alessandro Barin

24-25 marzo               MONT GELE’ 3518m                   scialpinismo

Panoramica montagna posta al confine tra la Svizzera e l’Italia appare come un pilastro. Il versante italiano è collocato nella valdostana Valpelline ed è ricoperta da ghiacciaio

Classificazione: BS   dislivello complessivo: 1800m  Capogita: Paolo Cesa Bianchi

 1-2 aprile                  3 COLLI de l’ARGENTIERE 3323m     scialpinismo

Da Chardonet super classica scialpinistica del Monte Bianco e superbo itinerario nei bacini glaciali dell’Argeniere.

Classificazione: BSA  dislivello complessivo: 1100m   Capogita: Paolo Cesa Bianchi

15 aprile                     PUNTA de l’UJA 2727m                   ciaspole

Da Locana nella Valle dell’Orco, il percorso si snoda prima su antiche mulattiere per poi entrare in boschi suggestivi e ripide salite.

Classificazione: MR  dislivello: 1200m   Capogita: Ferdinando Viganò

22-25 aprile               FINSTERAARHORN 4274m           scialpinismo

4 giorni nell’ Oberland bernese con salita alla sua cima più alta oltre al Louwinhorn e Wyssnollen

Classificazione: OSA  dislivelli: 1200m   Capogita: Paolo Cesa Bianchi

6-7 maggio       PIZZO di LAGO SPALMO 3262m          scialpinismo

Da Arnoga lungo la Val Viola nelle Alpi Retiche (Lombardia). Gita bella e piacevole con itinerario classico molto vario e tecnico

Classificazione: BSA+    dislivello complessivo: 1450m    Capogita: Alessandro Barin

13 maggio          PIZZO TAMBO’ 3278m                        ciaspole

Dal Passo dello Spluga di cui rappresenta il tetto il Pizzo rende le Alpi Lepontine orgogliose. La buona accessibilità e il panorama eccezionale la rendono una gita molto ambita.

Classificazione: BRA/ F+   dislivello: 1200m   Capogita: Ferdinando Viganò

20-21maggio         MONT VELAN 3722m                 scialpinismo

E’ una cima delle Alpi Pennine tra la Val d’Aosta e il Canton Vallese. Lo saliremo da nord ovest dove presenta un modesto ghiacciaio.

Classificazione: BSA   dislivello complessivo: 2150m   Capogita: Paolo Cesa Bianchi

2-4 giugno              AI PIEDI del GRAN COMBIN        scialpinismo

Tra le cime più elevate delle Alpi Pennine e il Monte Bianco si erge questo massiccio isolato di cui noi ne esploreremo una parte. Tournelon Blanc e Petit Combin

Classificazione: BS    dislivelli: 1200m     Capogita: Paolo Cesa Bianchi

15 giugno               GRAN CENA di FINE STAGIONE

Grande serata di condivisione delle avventure vissute nella splendida cornice del locale che ci verrà proposto dal Gourmet scialpino Giovanni Foti

Il Programma può subire variazioni in base alle condizioni nivologiche e/o metereologiche.

 Le descrizioni dettagliate saranno pubblicate settimanalmente sul sito GAM: http://gam.milano.it

 Per informazioni:

Scialpinismo: Paolo Cesa Bianchi   cell: 335 261795

mail: p.cesabianchi@sacebi.com

Ciaspole: Ferdinando Viganò   cell: 393 9012151

mail: vferdinando@libero.it

                                                                     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NORME PER LA PARTECIPAZIONE A GITE GAM

 

  1. Le iscrizioni alle gite si ricevono direttamente dal Capogita. Le iscrizioni sono valide con il pagamento delle quote stabilite. Le iscrizioni eccedenti la disponibilità dei posti vengono messe in lista d’attesa per eventuali sostituzioni.

 

  1. Lo scopo delle gite sociali è quello di condurre tutti i partecipanti alla meta. L’andatura sarà quindi adatta a mantenere il gruppo sufficientemente compatto pur tenendo conto dei tempi tecnici necessari al normale svolgimento della gita. Ne consegue che i direttori di gita, a loro insindacabile giudizio, possono non accettare l’iscrizione di chi non è ritenuto idoneo.

 

  1. Per quanto riguarda la rinuncia si precisa che, a meno che il rinunciatario proponga un sostituto:

– per le gite giornaliere: la quota di partecipazione è interamente dovuta.

– per le gite di più giorni: è trattenuta la caparra e richiesta la quota di soggiorno nella misura eventualmente addebitata dall’albergatore.

 

  1. I Direttori di gita sono volontari che agiscono come accompagnatori non professionali. Essi guidano la comitiva nell’esecuzione, curano il rispetto degli orari, la situazione dei posti, dei pernottamenti e tutto quanto sia utile al buon andamento della gita. I Direttori di gita hanno la facoltà di sospendere o modificare la gita nel caso in cui le condizioni atmosferiche, di innevamento o la situazione contingente siano tali da non garantire le normali norme di sicurezza. Durante il percorso essi stabiliscono le soste opportune e assumono le decisioni adeguate in ordine a coloro che fossero in difficoltà a proseguire.

 

  1. I partecipanti, che devono essere a perfetta conoscenza delle caratteristiche della gita apparse sul Sito, hanno l’obbligo di attenersi alle disposizioni dei Direttori di gita e di portare l’attrezzatura richiesta dal programma. Il possesso dell’attrezzatura fa supporre che se ne conosca l’uso. I partecipanti devono essere disposti a collaborare per il trasporto di materiale comune (corde, o altro). Nessuno dei partecipanti, se non espressamente autorizzato, dovrà sopravanzare i Direttori di gita o rimanere arretrato.

 

  1. Nel caso di gite sci-alpinistiche è obbligatorio il possesso dell’ARVA con frequenza di 457 kHz, il cui funzionamento sarà controllato all’inizio della gita. E’ inoltre richiesto che ciascun partecipante sia munito di pala e sonda. Entrambi questi strumenti possono essere noleggiati, in numero limitato, presso il GAM. In occasione di gite, i Direttori di gita organizzeranno prove pratiche di ricerca con ARVA cui tutti, con spirito di solidarietà, dovranno partecipare per impratichirsi su come portare soccorso in tempo utile.

 

  1. Gli orari di partenza previsti sono tassativi. Nel caso in cui fosse necessario modificare l’orario di ritorno i Direttori di gita lo comunicheranno per tempo a tutti i partecipanti.

 

  1. L’iscrizione alla gita comporta la totale accettazione delle presenti norme.

L’ATTENERSI ALLE REGOLE FACILITA LA GITA, LA RENDE PIÙ PIACEVOLE PER TUTTI E SOPRATTUTTO PIÙ SICURA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *