Programma Escursionismo 2021

 Gruppo Amici della Montagna

Sottosezione CAI Milano

 Via C.G. Merlo, 3 (largo Augusto), 20122 Milano – tel. 02 799178

Orari di apertura: martedì 18:30-20:00 e giovedì: 21.00 – 23.00

e-mail: gam.milano0@gmail.com

sito web: www.gam.milano.it

 

 PROGRAMMA ESCURSIONISMO 2021  

 MAGGIO

 08        RIFUGIO RIVA- CHIESETTA SAN CALIMERO

Escursione semplice e rilassante ideale per iniziare la stagione. L’itinerario si snoda lungo un ampio sentiero immerso in un fresco bosco e passa per l’Alpe di Nava, un bel pianoro dove si può fare una piccola pausa. Da qui si prosegue fino al rifugio (m 1022),Attività: E. Coordinatrice: Cristina Mazzetti

15        RIFUGIO CASERA VECCHIA- VAL VARRONE

ll Rifugio Casera Vecchia si trova situato in alta Val Varrone: si può raggiungere partendo da Premana e risalendo la vallata. Il rifugio si raggiunge percorrendo la storica Via del Ferro che collega le antiche miniere del comprensorio di Varrone. Attività: E Coordinatrice: Cristina Mazzetti

 22     RIFUGIO BOGANI- CAINALLO

Il rifugio sorge in un bosco di larici a 1816m di quota, sul versante Nord della Grigna Settentrionale. Il sentiero sale decisamente per i primi minuti, poi prosegue in costa con andamento sinuoso e panoramico. Attività: E   Coordinatrice: Gemma Assante

 GIUGNO

 30/5 -2/6 TREK a MONTECRISTO

Montecristo fa parte del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano ed è il più grande parco marino del Mediterraneo la visiteremo ed allargheremo il giro alle altre oasi naturalistiche della zona.  Attività: E   Coordinatrice: Cristina Mazzetti

 12        RIFUGIO FALC dalla VAL GEROLA

Molti cammini portano al FALC noi scegliamo quello dalla Val Gerola. Il sentiero porta facilmente alla diga dell’Inferno e da lì in 30 minuti al Rifugio in vista del Pizzo dei 3 Signori. Attività: E .Coordinatrice: Cristina Mazzetti

20-26    NONNI&NIPOTI in VAL BREMBANA

Vacanza adatta ai bambini dai 5 sino ai 12 anni, organizzata con naturalisti educatori Attività: T.   Coordinatrice: Gemma Assante

LUGLIO

3     PIAN DEI RESINELLI – RIFUGIO ROSALBA

Il sentiero per il rifugio Rosalba inizia con una camminata in un bellissimo bosco di faggi, In questo tratto la passeggiata non è impegnativa: il sentiero è pianeggiante con un leggero saliscendi fino a quando il panorama si apre sulle guglie della Grignetta. Da qui il percorso inizia a diventare ripido e diventa impegnativo dal bivio per il Sentiero dei Morti e rimane impegnativo fino al Rifugio Attività: E   Coordinatrice Mazzetti Cristina

18-25    SETTIMANA VERDE a VIGO di FASSA

Splendida settimana nel bellissimo paesaggio delle dolomiti di Fassa. Ogni giorno sono previste camminate ed escursioni di varia difficoltà per visitare i punti caratterisitci della zona. Attività: E/ EE    Coordinatrice: Cristina Mazzetti

  SETTEMBRE

5         LAGO DEL TRUZZO

Situato nella Valle del Drogo il sentiero sale abbastanza ripidamente tra prati e borgate, si addentra in boschi per arrivare sotto la vetta. Qualche fune metallica facilita il cammino per raggiunger la croce di vetta

Attività: E. Coordinatrice: Barbara Savy

11        RIFUGIO GARZIROLA

Situato alle pendici del Monte Garzirola, lo si raggiunge con comodo cammino in leggera salita tra faggi e borghi. Qualche tratto più ripido alla fine ci consente di vedere la bandiera del rifugio

Attività: E Coordinatrice Gemma Assante

 

OTTOBRE

2               GIRO DELLA VALLE DI MUGGIO

La valle di Muggio detta anche Val Breggia nasce in territorio italiano entra in Svizzera e torna in italia con giro ad anello. Comprende nove villaggi ottimo esempio di edilizia rurale e un Museo Etnografico da non perdere Attività: E   Coordinatrice: Gemma Assante

9-10         SENTIERO 52 GALLERIE

La strada delle 52 Gallerie è un percorso di ingegneria scavato nella roccia per rifornire e comunicare con le truppe italiane arroccate sul Monte Pasubio. Inoltre percorreremo il sentiero lungo la prima linea del fronte di guerra, raggiungeremo il Dente Italiano e il Dente Austriaco per poi raggiungere il rifugio Lancia. Attività: E/E  Coordinatrice: Barbara Savy

16        CASTAGNATAA RASURA

Facile passeggiata in ridenti boschi per raccogliere castagne. Dislivello totale ridotto Attività: E Coordinatrice Gemma Assante

23-31      TREK nei SICANI

Il programma è in elaborazione e verrà pubblicato al più presto, un trek imperdibile tra i monti di questa affascinante e sconosciuta catena nell’area centro meridionale della Sicilia. Attività: T/E Coordinatrice: Gemma Assante

NOVEMBRE

13       FOLIAGE IN VAL MASINO

Alla ricerca dei colori autunnali di larici e faggi. Attività: E. Coordinatrice: Gemma Assante

 20       ABBAZIA DELLA CERVARA

Abbazia al Monte di Portofino. Questo luogo si affaccia sul Golfo del Tigullio e scende a picco sul mare verso Portofino, con fitta vegetazione da cui il detto Silvaria   dal latino “boschi”) termine che venne poi italianizzato in “Cervara”. Attività: T   Coordinatrice: Gemma Assante

LEGENDA

= Percorso facile di tipo turistico;   = Percorso normale di tipo escursionistico

E/E = Percorso impegnativo ma che non richiede abilità alpinisitiche

Per ulteriori informazioni su gite: Gemma Assante mail: gemma.assante2017@gmail.comcell347 9508354; Cristina Mazzetti mail: mazzetticristina1@gmail.comcell. 3398320257; Barbara Savy mail: barbara_savy@hotmail.comcell 338 8199 152

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

Per gite giornaliere: soci GAM € 7 soci CAI € 10.T rasporto con mezzi propri

Per le gite di più giorni consultare il programma sul sito

 ISCRIZIONI

Presso i Capigita e secondo le istruzioni

 PER PARTECIPARE ALLE GITE BISOGNA ESSERE ISCRITTI AL GAM e/o al CAI

 

E’ OBBLIGATORIO PRENDERE VISIONE DEI PROGRAMMI E DELLE NORME DI PARTECIPAZIONE

 

NORME PER LA PARTECIPAZIONE A GITE GAM

1 Le iscrizioni alle gite si ricevono in sede negli orari di apertura. Per le gite giornaliere o di fine settimana, salvo che sia diversamente indicato sul Notiziario, nelle due settimane che precedono la gita stessa. Per trekking e settimane secondo quanto indicato sul Notiziario. Le iscrizioni sono valide con il pagamento delle quote stabilite. Le iscrizioni eccedenti la disponibilità dei posti vengono messe in lista d’attesa per eventuali sostituzioni.

2 Lo scopo delle gite sociali è quello di condurre tutti i partecipanti alla meta. L’andatura sarà quindi adatta a mantenere il gruppo sufficientemente compatto pur tenendo conto dei tempi tecnici necessari al normale svolgimento della gita. Ne consegue che i direttori di gita, a loro insindacabile giudizio, possono non accettare l’iscrizione di chi non è ritenuto idoneo.

3 Per quanto riguarda la rinuncia si precisa che, a meno che il rinunciatario proponga un sostituto:

– per le gite giornaliere la quota di partecipazione è interamente dovuta se la rinuncia viene fatta dopo il MARTEDì precedente la gita

– per le gite di più giorni se la rinuncia viene fatta negli 8 giorni precedenti la partenza è trattenuta la caparra e richiesta la quota di soggiorno nella misura eventualmente addebitata dall’albergatore.

4 I Direttori di gita sono volontari che agiscono come accompagnatori non professionali. Essi guidano la comitiva nell’esecuzione, curano il rispetto degli orari, la situazione dei posti, dei pernottamenti e tutto quanto sia utile al buon andamento della gita. I Direttori di gita hanno la facoltà di sospendere o modificare la gita nel caso in cui le condizioni atmosferiche, di innevamento o la situazione contingente siano tali da non garantire le normali norme di sicurezza. Durante il percorso essi stabiliscono le soste opportune e assumono le decisioni adeguate in ordine a coloro che fossero in difficoltà a proseguire.

5 I partecipanti, che devono essere a perfetta conoscenza delle caratteristiche della gita apparse sul Notiziario, hanno l’obbligo di attenersi alle disposizioni dei Direttori di gita e di portare l’attrezzatura richiesta dal programma. Il possesso dell’attrezzatura fa supporre che se ne conosca l’uso. I partecipanti devono essere disposti a collaborare per il trasporto di materiale comune (corde, barella, o altro). Nessuno dei partecipanti, se non espressamente autorizzato, dovrà sopravanzare i Direttori di gita o rimanere arretrato.

6 Nel caso di gite sci-alpinistiche è obbligatorio il possesso dell’ARVA con frequenza di 457 kHz, il cui funzionamento sarà controllato all’inizio della gita. E’ inoltre richiesto che ciascun partecipante sia munito di una pala. Entrambi questi strumenti possono essere noleggiati, in numero limitato, presso il GAM. In occasione di gite i Direttori di gita organizzeranno prove pratiche di ricerca con ARVA cui tutti, con spirito di solidarietà, dovranno partecipare per impratichirsi su come portare soccorso in tempo utile.

7 Gli orari di partenza previsti sono tassativi. Nel caso in cui fosse necessario modificare l’orario di ritorno i Direttori di gita lo comunicheranno per tempo a tutti i partecipanti.

8 L’iscrizione alla gita comporta la totale accettazione delle presenti norme.

L’ATTENERSI ALLE REGOLE FACILITA LA GITA, LA RENDE PIÙ PIACEVOLE PER TUTTI E SOPRATTUTTO PIÙ SICURI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I commenti sono chiusi.